Caldaie

SCEGLIERE LA CALDAIA

Sono diversi i fattori da tener presente quando si sceglie una caldaia: 

Affinché i consumi vengano ottimizzati la caldaia dovrà essere ben proporzionata in termini di potenza,alle condizioni dell’abitazione da riscaldare.
Installare una caldaia sproporzionata,per difetto o per eccesso,significa provocare spreco di combustibile
Qualsiasi caldaia deve mantenere i parametri di rendimento previsti dalla legge. Il corretto controllo annuale della caldaia ne ottimizza il funzionamento minimizzando la possibilità di incidenti e di immissione di scarichi pericolosi all’interno dell’ambiente domestico e nell'atmosfera.
 
LE TIPOLOGIE 

Esistono  differenti tipologie di caldaie che si differenziano per il modo in cui prelevano l'aria necessaria alla combustione del gas. Il processo di combustione avviene nel bruciatore in seguito alla miscelazione con l'ossigeno presente nell'aria. Inoltre, i fumi della combustione scaldano l'acqua presente nel circuito fino alla temperatura desiderata, che può essere regolata sul pannello di controllo frontale.

 

CAMERA APERTA (TIPO B)
Questo tipo di caldaia preleva dall' ambiente l'aria che serve per la combustione.
I fumi della combustione,caldi e leggeri, vengono scaricati con tiraggio naturale attraverso una canna fumaria. 
 

 

 

 

CAMERA STAGNA (TIPO C)
In questo tipo di caldaia la fiamma è completamente isolata dall 'ambiente e l'aria viene prelevata dall' esterno. In questo caso, il tiraggio è forzato da un piccolo ventilatore inserito nel circuito di combustione. Possono essere installate in qualsiasi locale.

 

 


CALDAIA A CONDENSAZIONE

Le caldaie a condensazione sono le più moderne ed ecologiche oggi esistenti.
La caldaia a condensazione, a differenza della caldaia tradizionale, può recuperare una gran parte del calore latente contenuto nei fumi della combustione tramite un apposito scambiatore.

La temperatura dei fumi di uscita si abbassa fino a 40 °C ed è quindi inferiore quindi ai 140-160 °C dei generatori tipo tradizionale.

    








Con le caldaie a condensazione si raggiungono risparmi nell'ordine del 15-20% sulla fornitura di acqua calda a 80 °C, a 60 °C del 20-30%.
Esse esprimono il massimo delle prestazioni (risparmi del 40% e oltre) quando vengono utilizzate con impianti che funzionano a bassa temperatura (30-50 °C), come ad esempio con impianti radianti a pavimento.
 Se si completa il sistema con l'integrazione di pannelli solari e si aggiunge il risparmio che proviene dall'utilizzo dell'energia solare (25-30% medio), è possibile notare che dalla combinazione di pannelli solari e caldaia a  condensazione si ottengono risparmi sull'ordine del 50-60%.
 Con le caldaie a condensazione si raggiungono risparmi nell'ordine del 15-20% sulla fornitura di acqua calda a 80 °C, a 60 °C del 20-30%.
 Esse esprimono il massimo delle prestazioni (risparmi del 40% e oltre) quando vengono utilizzate con impianti che funzionano a bassa temperatura (30-50 °C), come ad esempio con impianti radianti a pavimento.
 Se si completa il sistema con l'integrazione di pannelli solari e si aggiunge il risparmio che proviene dall'utilizzo dell'energia solare (25-30% medio), è possibile notare che dalla combinazione di pannelli solari e caldaia a  condensazione si ottengono risparmi sull'ordine del 50-60%.